Samugheo, un territorio tutto da scoprire

Samugheo: un comune dove vivere la storia

Samugheo

Samugheo è un comune di 3250 abitanti che si trova nella bella provincia di Oristano in Sardegna, a soli 350 metri sul livello del mare, nella Regione storica chiamata Barbagia del Mandrolisai.


Città ricca di tradizioni storico-artistiche-culturali, è assai nota per i suoi reperti archeologici del vicino Castello di Medusa, la cui storia è ancora oggi avvolta nel mistero.


Il territorio di Samugheo, che si estende per 81,27 km², confina a nord cn Busachi, Ortueri e Sorgono, ad ovest con Allai e Ruinas, a sud con Asuni, ad est con Atzara, Meana Sardo e Laconi. 


Dal punto di vista linguistico, Samugheo detiene la "Sa Limba De Mesania" tipica del Mandrolisai (Sorgono, Samugheo, Atzara, Ortueri, Tonara, Desulo); ciò permette una facile comprensione linguistica in tutta la Sardegna. 


Confinante anche con la barbagia di Belvì, con il Barigadu e il Sarcidano, Samugheo è parte integrante, nonché il centro più popoloso, del Mandrolisai.


Una terra unica nel suo genere che merita di essere conosciuta nella sua interezza non solo per le sue belle spiagge, ma anche per il suo paesaggio incontaminato ricco di storia, cultura e tradizioni: un'occasione unica per vivere un territorio meraviglioso, calcando il palcoscenico della storia.


Samugheo: un comune dove vivere la storia

I turisti che seglieranno di visitare la città di Samugheo si troveranno difronte un territorio ricchissimo di spiagge e paesaggi unici nel loro genere, assieme a testimonianze storiche di significativa rilevanza storico-artistica e culturale oltreché cultuale.

Il luogo che merita di essere assolutamente visitato è il
suggestivo Castello di Medusa, la cui vera storia risulta essere ancora oggi avvolta nel mistero, dove si fonde assieme alla leggenda: sorge su a picco su di una gola formata dal Riu Araxixi ed è interamente scavato nel marmo.

Si sa che fu
costruito in epoca bizantina con la funzione di controllo del territorio e di protezione dai barbari, che spesso penetravano nella terra della Marmilla per saccheggiarne i villaggi, distruggendone la tranquillità.

Nei pressi di Samugheo, a circa 45 minuti di distanza, si possono raggiungere anche le bellissime spiagge della Penisola Del Sinis, un susseguirsi di vegetazione mediterrane e dune di sabbia che si sposano con la bellezza del mare, noto per la sua acqua limpida e pura.

Ma Samugheo è anche un centro dove l'artigianato è vivo e vegeto e continua ancora oggi a stupire tutti per la sua qualità e il suo forte contatto con la storia.

E' infatti una delle attività principali del luogo che saprà conquistarvi per la creatività con la quale vengono realizzati i prodotti; in particolare potrete trovare:

  • manufatti tessili;
  • ceramiche;
  • oggettistica in vetro;
  • oreficeria;
  • manufatti in sughero;
  • manufatti in ferro;
  • manufatti lignei (quali le famose panche);
  • manufatti in pelle;
  • e molto altro ancora.

Frutto della maestria e dello spirito inventivo degli artigiani locali, questi manifatti mantengono ancora oggi vive le tradizioni tramandate loro dal passato, al fine di poterle conservare e avvalorare, consegnandole alle generazioni future.

Famosi sono anche i nostri tappeti, arazzi e coperte tipiche, tutti manufatti realizzati tradizionalmente sui nostri telai in legno: la loro fama è tale da ottenere anche il marchio D.O.C. sotto il quale si possono acquistare i migliori prodetti del territorio.

E' stato, inoltre, aperto anche il Museo Unico Regionale dell'Arte Tessile, articolato in vari ambienti che oltre ai tessuti consentono anche un'ampia panoramica delle attrezzature e dei diversi strumenti per questo genere di lavoro.

Anche colori e forme si sono evoluti col tempo creando prodotti turistici realizzati con colori naturali che richiamano le bellezze della nostra Regione: una volta visti non potrete farne più a meno e vorrete anche voi portare un pezzo di Sardegna a casa vostra.

Samugheo artigianato sardo spiaggia di Samugheo